All posts tagged: CUCKOLD

Il marito cornuto

scritto da Kobar pubblicato da Elvira Nazzarri Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino. La scontatezza di un proverbio, popolare al punto da essere quasi banale, può essere ancor più insopportabile se esprime fedelmente ciò che in effetti è accaduto. Insopportabile per chi si sente vittima dell’accaduto. Pur essendosela cercata. Uno degli aspetti più logoranti del traffico sono le attese ai semafori rossi. In realtà non è tanto l’attesa quanto il nevrotico conto alla rovescia, tipico dell’automobilista consumato da questa routine. Se poi il tragitto ha come meta un appuntamento con qualcosa che si è pensato e desiderato nel tempo, diventa praticamente una tortura. Arancio “per gli altri”, una mano si stacca dal volante lasciando una leggera impronta di sudore, afferra il cambio, prima, la frizione sale e l’auto riparte. Avrebbe dovuto ripetere questo gesto ancora una ventina di volte prima di poter dire siamo arrivati. Siamo. Alessandra e Gianni. Il parcheggio fortunoso vicino all’ingresso fu fonte di sollievo per Alessandra, mentre Gianni si rese conto che non era tanto l’attesa …

Jealousy, turning saints into the sea…

Scritto da schiavo amos Pubblicato da Elvira Nazzarri Come quasi sempre ultimamente gli ordini arrivavano asciutti e improvvisi sulla mail con la quale ci tenevamo in contatto. «Venerdì devo essere alle 13:45 in via Rezia, 8. Fai da autista». Non era la prima volta che mi chiedeva di accompagnarla ma da quando si era trasferita e aveva dato una svolta al nostro rapporto, quelle che una volta erano la richiesta di un favore erano diventati veri e propri ordini. Le chiesi maggiori ragguagli sugli orari per potermi organizzare con i miei impegni e mi disse che avrei dovuto aspettarla per un’ora e mezza e poi riaccompagnarla a casa. Guardai con Google Maps per capire dove fosse e quanto tempo ci volesse per il viaggio e guardando con Street View vidi che al civico indicato c’era un’anonima palazzina di appartamenti anni ‘60. Di fianco una piscina. Cominciai a chiedermi cosa dovesse andare a fare in quel posto, so che non nuota quindi la piscina era da escludere e il palazzo non sembrava potesse essere la sede …

Uno “special treat”…

Conosco lo schiavo “amos” da circa una decina di anni oramai. Il nostro rapporto molto particolare è frutto di in un feeling radicato rispetto a una dominazione superficiale. In parte è anche merito di una sua predisposizione nei miei confronti e sua assoluta devozione.  Ha preso sul serio la sua posizione da sottomesso organizzandosi in modo che potessi imporgli i miei ordini in qualsiasi orario della giornata 24 ore su 24, i weekend compresi.  Tuttavia un giorno mentre puliva lo studio… ha visto una notifica whatsapp sullo schermo del mio telefono… “Mon amour, ho voglia di vederti e… “. Non sopportava proprio quell’uomo e forse da sempre aveva un debole per me. La prima volta che ci siamo visti mi ha guardata come fossi un bocconcino succulento da assaggiare, salvo poi finire immediatamente appeso per le caviglie a testa in giù, tanto per fargli capire chi comanda. Credo proprio che “amos” mi ami immensamente, sebbene abbia famiglia. Nonostante ciò non potevo tollerare un commento inadeguato da parte di un sottomesso, che poi sfociò in una …