All posts tagged: ADORAZIONE PADRONA

Mistress Milano (epilogo)

Scritto da schiavo amos Pubblicato da Elvira Nazzarri   Quella parola, schiavo, pronunciato da una donna mi ha sempre eccitato. Crea distanza ed è in grado di farti sentire poco più di un oggetto. A volte le parole hanno un enorme potere emotivo. Ma detto da lei, che ne conosce il profondo significato, la distanza contemporaneamente si amplifica e si annulla. Nel nostro territorio di incontro, dove tutto ciò che per il mondo è in apparenza assurdo, per noi è il senso naturale delle cose. Le sue mani mi serrano i testicoli in una morsa senza via di fuga, mi da le spalle mentre mi trascina senza complimenti attraverso l’appartamento. L’unico rumore il suono deciso dei suoi tacchi. Entriamo in una grande stanza in penombra piena di attrezzi di ogni genere. Poi mi ordina di prendere una valigetta di legno posizionata in un angolo, di metterla per terra di fronte a me e di aprirla. Dentro è piena di biglie di legno. Mi fa inginocchiare sulle biglie, poi prende un bicchiere, mi dice di distendere …

Il contratto

scritto da Kobar pubblicato da Elvira Nazzarri Seduto ad un tavolino di un bar guardava il traffico. Di tanto in tanto l’orologio. Erano le 16,30 e mancava circa un’ora al suo appuntamento. Un appuntamento preso da Luisa. Quel giorno, nell’arco di un’ora, si sarebbe compiuto, molto probabilmente, qualcosa che aveva radici lontane e che forse Marco non immaginava nemmeno possibile. Luisa non era la sua segretaria. L’aveva conosciuta online e aveva giocato un po’ alla Mistress e allo schiavo. Nel tempo erano sostanzialmente diventati amici. Un’amicizia che però di fatto ruotava intorno al sadomaso soft. Per Marco Luisa soprattutto era una sorta di zona franca in cui poter raccontare a una donna tutte le cose più intime con la certezza che, pur se non condivise, sarebbero state capite. Marco amava la donna, amava il corpo femminile, senza avere un modello estetico in mente. Aveva avuto donne alte, basse, magre o in carne. Di tutte aveva apprezzato l’autenticità, cioè il fatto che si proponessero senza troppe barriere, naturalmente, se possibile. Apprezzava persino la timidezza che alimentava …