All posts filed under: Dominazione

Le sospensioni nel bdsm

Le sospensioni sono uno dei giochi bdsm in cui traggo maggior piacere. Tu, schiavo, rimani appeso a testa in giù come carne da macello. Impotente, privo di controllo, con una sensazione di inerzia forzata, subisci e basta, sei completamente nelle mie mani. Ti obbligo a spogliarti, così ogni parte del tuo corpo sarà accessibile. Ti faccio sdraiare sul tappeto, ti fisso le caviglie alla trave e ti tiro su. Ti senti trascinare lungo il tappeto, mi preghi di tirare più piano. Ma non ci sto, sono io quella che decide. Nel momento in cui ti accorgi che le mani toccano appena terra, mi chiedi di fermarmi. Cerchi di allungare le dita per sfiorare il pavimento. Ma le cose si fanno fino in fondo, sai? Adoro le sfide e le emozioni forti. Vedere lo sguardo in preda al panico delle mie vittime è un’enorme soddisfazione per me. Soprattutto quando ti chiedo di staccare le mani dal pavimento e metterle dietro la schiena. Ne stacchi una, ma hai troppa paura di allontanare anche l’altra dall’unico punto sicuro …

Le penetrazioni anali punitive: l’impalamento

In molti mi chiedete come mai non pratico penetrazioni sugli schiavi. La risposta è facile, non amo le penetrazioni anali classiche; come punzione per lo schiavo preferisco l’impalamento, c’è più crudeltà in questo atto. Anche una certa distanza tra me e la preda e ciò risulta ancor più umiliante per chi lo subisce. L’impalamento è la vera tortura, il resto sono tutti giochini di piacere. Questa pratica molto intensa emozionalmente e fisicamente per te, mia cara vittima, è molto, ma molto soddisfacente per me. Ti riduce ad una cosetta in mio completo possesso, un trastullo consegnato alle mie volontà. E si smette di giocare solo quando lo decido io, ti sia ben chiaro! Per prima cosa ti obbligo a denudarti completamente e se ti crea imbarazzo o ti vergogni, ci provo più gusto.  Con le corde ti lego i polsi e li fisso in alto. Ti lego anche le caviglie, tirando le corde ti si divaricano le gambe e le fisso saldamente al pavimento. Sei imobilizzato a croce, non puoi muoverti granchè. E sei obbligato …

Dominazione: il sottile piacere della sofferenza

Sei provato dalla posizione scomoda e dalle corde strette. Sei impossibilitato a muoverti, immobilizzato. I polsi cominciano a sentire i nodi scorsoi in trazione. Il palo a cui sei legato è freddo e ti sta premendo contro il corpo.  Non opponi più resistenza, oramai sei rassegnato. Sei in attesa della punizione. La percezione di un sussulto, di una improvvisa sensazione di piacevole diffusione nelle vene ti pervade. Sei la mia preda ed io la tua cacciatrice. In questo momento posso infliggerti qualsiasi punizione usando uno dei tanti strumenti presenti in sala eppure  ho deciso di prendermi gioco di te, facendoti sentire il suono dei colpi della frusta in aria. Ti piace? Il prossimo colpo può essere dedicato a te… Tutto il tuo corpo, può diventare il mio bersaglio.  Ti lego i testicoli per renderli più sensibili alle torture, li strizzo e uso le mollette su di te. Poi mi dedico ai tuoi capezzoli usando le clamps, alternandole con le mie mani. Chissà, potrei legarti all’impalatore e poi godermi lo spettacolo di te che  non riesci …